palzileri.com
Now reading . SFILATA SS17

SFILATA SS17

Modernismo contemporaneo per la collezione Pal Zileri Primavera-Estate 2017

All'interno dell’ex Palazzetto dello Sport di Piazza 6 Febbraio a Milano, regna un’atmosfera di grande attesa. L’impressionante tempio di acciaio e cemento, dai tratti urbani, industriali e futuristici, fa da eco a un periodo storico in cui la città definiva il suo sviluppo urbano.

Scelta ideale per ospitare la sfilata della collezione Primavera - Estate 2017. La direzione creativa del brand si ispira infatti allo spirito modernista, rivivendo l’energia e l’entusiasmo di quei primi anni del XX secolo.

Lo spazio di quasi 1.000 metri quadrati, inaugurato nel 1923, è stato progettato dall’architetto razionalista Paolo Vietti-Violi come Palazzetto dello Sport, ideale per mostre, spettacoli ed eventi sportivi.

È iniziata così la sfilata Pal Zileri Primavera - Estate 2017, scandita dai bassi della colonna sonora in stile rock elettronico, ricordandoci che non siamo nel ventesimo secolo, bensì nel ventunesimo. A rafforzare il concetto di design contemporaneo è stato il completo composto da parka oversize blu navy in shantung con cappuccio voluminoso e dettagli in nappa, indossato su un abito rosso scuro con scollo sciallato in bouclé di lana, lino e cotone. Un design moderno che fonde perfettamente tradizione e innovazione: la sapienza artigianale di Pal Zileri e la nuova visione estetica del direttore creativo Mauro Ravizza Krieger. Ed è proprio da questa combinazione che nasce la filosofia “Avant Craft”.

Il direttore creativo ha più volte dichiarato il suo amore per l’arte: “Mi appassionano e mi ispirano le mostre, dalla Biennale di Venezia, all’Art Basel a Miami al Frieze a Londra”.L’arte si insinua nella sue creazioni infondendole un nuovo spirito: la collezione Primavera - Estate 2017 ci conduce in un viaggio all’insegna del colore, con richiami al movimento astrattista italiano degli inizi del XX secolo, in particolare delle opere del pittore comasco Manlio Rho, considerato uno dei maggiori astrattisti italiani (1901-1957). Le sue opere mostrano un equilibrio tra rigide forme geometriche, linee sottili e colori caldi nei toni del verde, del marrone e dell’arancione.

La nuova collezione è caratterizzata da motivi grafici che creano una connessione visiva tra i vari capi, dalle fodere jacquard degli abiti sartoriali alle stampe digitali sulle camicie e le tecniche jacquard adottate nella maglieria. La gamma di colori è incentrata su tre tonalità: verde cactus, prugna e rosso papaia. Le preziose sete di varie finezze riecheggiano le produzioni vicentine dei tessuti serici del diciottesimo secolo aggiungendo fluidità e morbidezza alla collezione. L’impiego di tecniche taglio laser e orli aperti sui capispalla fanno da complemento allo spirito minimalista e astratto della collezione.

Look 1 – Abito in bouclé 3D di seta, lino e cotone dal taglio sartoriale ed elegante abbinato ad accessori in metallo dal tocco contemporaneo. 

Look 2 – Ampi pantaloni di seta con stampa grafica abbinati alla camicia in seta con collo alla coreana per un look raffinato.

Look 3 – Jeans moderni con dettagli in nappa e brogue in vitello con cinturino e dettagli in metallo.

Next post
SFILATA AI16

Iscriviti per rimanere sempre aggiornato

Email

Iscrizione eseguita

Richiedi informazioni

Nome e cognome

Email

Paese

Messaggio