palzileri.com
Now reading . ARTE ALL'ARTE

ARTE ALL'ARTE

In concomitanza con Frieze 2015, Pal Zileri ha dato vita ad un esaltante progetto creativo presso il suo rinnovato negozio di New Bond Street

Pochi altri eventi oltre a Frieze hanno avuto un impatto così profondo sul mondo dell'arte moderna. Da più di dieci anni, questo prestigioso evento annuale riunisce nomi illustri provenienti da oltre 160 gallerie tra le più celebri al mondo. Oltre a "occupare" Regent's Park ogni anno in ottobre, la fiera ha ora ampliato il suo repertorio con il lancio di Frieze Masters e di un evento correlato a New York tenutosi nel 2012. Influente, rivoluzionaria e stimolante, la fiera attrae oggi circa 60.000 collezionisti e appassionati d'arte.

L'edizione dello scorso anno di Frieze London ha offerto un'occasione perfetta al brand per svelare il suo progetto innovativo: l'Avant Craft Art Project di Pal Zileri. Il progetto, mirato ad esporre le opere di artisti sia affermati che emergenti attraverso esclusive esibizioni collocate  all’interno della boutique, ha fatto il suo debutto nel nuovo ed elegante negozio situato nel centro di Londra durante la serata d'apertura di Frieze e ha radunato i maggiori nomi della moda e dell'arte.

Parse, un'altra installazione dell'artista creata appositamente per il negozio;

Per la fase iniziale del progetto, Pal Zileri ha commissionato all'artista multimediale britannica Amba Sayal-Bennett tre opere specifiche per il negozio da esporre accanto alle tele maestose del pittore italiano Matteo Callegari. La premiata artista Sayal-Bennett, le cui opere hanno ricevuto grandi elogi alla Saatchi Gallery come parte del tanto discusso spettacolo New Sensations, è famosa per il suo impiego di oggetti comuni in opere contemporanee. L'artista ha affermato di essere interessata a "come gli ambienti costruiti o realizzati dall'uomo possano essere percepiti in termini scultorei" e al modo in cui l'impiego di oggetti comuni in strutture intense e coinvolgenti contribuisca a mettere alla prova la nostra percezione del quotidiano.

Creare una mostra permanente nel negozio Pal Zileri di New Bond Street ha offerto a Sayal-Bennet una sfida unica. Per l'artista era fondamentale che le opere "rispondessero direttamente sia all'ambiente architettonico che alle modalità di esposizione impiegate nel negozio". Questo concetto si concretizza con un effetto particolarmente impressionante nell'opera Muon Cript, un'installazione eterea racchiusa nella finestra semicircolare dell'edificio e visibile sia dall'interno che dall'esterno del negozio. L'artista ha aggiunto: "Uno degli aspetti importanti dell'arte è il suo potere affettivo. Penso che ogni opera d'arte abbia le potenzialità di suscitare un'emozione in chi la osserva".

Le altre due installazioni di Sayal-Bennet per Pal Zileri, Parse e Brack and Brine, sono anch'esse state ispirate dalla struttura del negozio. La prima opera è composta da stampe lucide di collage digitali proiettate tramite un proiettore sopraelevato, mentre la seconda, che consiste in enormi stampe appese a oggetti esposti all'interno della boutique, è stata ispirata dai mondi gemelli dell'arte e della moda. Come ha affermato l'artista: "L'arte e la moda condividono da sempre lo stesso passato. Molti stilisti traggono ispirazione dagli artisti e l'arte e la moda sono i componenti chiave dei movimenti culturali".

Sayal-Bennett con Mauro Ravizza Krieger, direttore creativo di Pal Zileri

L'evento di lancio dell'Avant Craft Art Project è stato raccontato da grandi nomi quali vogue.it e wallpaper.com e ha visto la partecipazione dello stimato giornalista di moda Gianluca Longo, collaboratore redazionale della rivista Harper’s Bazaar e collaboratore redazionale europeo di W Magazine. Anche secondo Longo "l'arte e la moda sono sempre state vicine" e ha aggiunto che "molti stilisti traggono grande ispirazione dal suo impatto visivo". Anche Tommaso Foggini, direttore di SansSouci Magazine, la rivista multiformato in edizione limitata dedicata all'arte, era tra gli ospiti dell'evento. La relazione tra arte e moda, ha spiegato Foggini, è "sempre stata unita da un'ispirazione reciproca molto forte: due mondi diversi uniti dalla stessa ricerca incessante di nuove forme di espressione".

La forza motrice dell'Avant Craft Art Project di Pal Zileri è la stessa di Frieze: un'aspirazione a qualcosa di innovativo. L'arte contemporanea ha da lungo tempo messo in dubbio gli ideali tradizionali e i confini delle quattro mura cliniche delle gallerie, ed è proprio in base a questo concetto che l'azienda ha intrapreso questo nuovo ed esaltante viaggio. Foggini è stato uno dei numerosi ospiti dell'evento inaugurale a riconoscere questo aspetto: "L'impegno che Pal Zileri dimostra nel ricercare e sostenere una selezione sempre più ampia di artisti contemporanei è chiaro e ammirevole".

Riflettendo sulla sua relazione personale con Pal Zileri, Amba Sayal-Bennett ha elogiato il brand per essere "in sintonia e in dialogo" con il mondo dell'arte contemporanea: "Si tratta di un brand che fa qualcosa di diverso, lavorando con artisti sia emergenti che affermati". Anche Gianluca Longo si è mostrato d'accordo: "Basta guardare alla volontà di Pal Zileri di sostenere i giovani artisti – sono loro quelli di cui si parlerà nei prossimi decenni e il brand sta dimostrando un impegno notevole per contribuire a scoprire nuovi talenti".

Il design di Muon Cript

Next post
UNO SPAZIO DA TENERE D'OCCHIO

Iscriviti per rimanere sempre aggiornato

Email

Iscrizione eseguita

Richiedi informazioni

Nome e cognome

Email

Paese

Messaggio